Trucchi e Guide Smartphone

Trovare il titolo di una canzone canticchiandola su google

Il motore di ricerca di Google è ora in grado di trovare il titolo di una canzone riconoscendola semplicemente canticchiandola o fischiandola su iOS e Android, vediamo come fare.

Sappiamo tutti quanto sia frustrante quando non riesci a ricordare il nome di una canzone o nessuna delle parole che contiene. Google ora può aiutarti a risolverlo, senza bisogno di testi, nome dell’artista o intonazione perfetta.

Google afferma che adesso la sua intelligenza artificiale riconosce le canzoni canticchiando, fischiando o cercando di cantarle in un modo o nell’altro.

Questo nuovo strumento di Google emula Shazam, l’applicazione che ti aiuta a conoscere il titolo e l’autore di una canzone semplicemente avvicinando il cellulare all’altoparlante in cui viene riprodotta la melodia.

In un evento relativo alle ricerche su Google, l’azienda ha annunciato diverse notizie relative al suo motore di ricerca e come è migliorato e continuerà a migliorare presto. Una delle funzioni più curiose è probabilmente quella che Google ha annunciato per quanto riguarda il rilevamento delle canzoni. Dicono che ora il motore di ricerca sarà in grado di riconoscere le canzoni canticchiandole.

Come cercare una canzone canticchiando o fischiando su Google

Spiegheremo come cercare canzoni canticchiando o fischiando in Google, una nuova funzione di ricerca che puoi iniziare a utilizzare subito. Tuttavia, non pensare che basti aprire il sito web di Google sul tuo cellulare e iniziare a canticchiare, perché in quel caso tutto ciò che farai sarà cercare “na na na na”. Questa funzione ha un processo specifico per utilizzarla.

La nuova funzionalità è oggi disponibile nell’applicazione Google per smartphone e in Google Assistant. 

Chiedi a Google “cos’è questa canzone?” (o una domanda molto simile) e poi canticchia, fischia o canta. Google mostrerà risultati diversi della canzone che hai provato a canticchiare ordinati dalla probabilità più alta alla più bassa. Da lì è possibile ascoltare la canzone per vedere se è davvero quella.

Il secondo modo per avviare questa nuova ricerca è quello di accedere all’applicazione mobile di Google e fare clic sull’icona del microfono per eseguire una ricerca vocale. Puoi farlo sia dalla scheda Scopri che direttamente dalla scheda Cerca, a seconda di quale ritieni più comoda.

Puoi anche avviare la ricerca dal widget della barra di ricerca di Google, premendo la G per entrare nella sezione Cerca dell’app Google, quindi facendo clic lì sull’icona del microfono per avviare una ricerca.

Quando fai clic sull’icona del microfono, Google ascolterà ciò che vuoi dire. Qui, premi sul pulsante Cerca brano che apparirà nella parte inferiore sinistra della finestra.

Quando tocchi Cerca brano , vedrai che l’animazione di ascolto mostrata da Google cambia. Ora puoi iniziare a canticchiare o fischiare una canzone. Google dopo qualche secondo rimasto ad ascoltarti fischiare o canticchiare, senza che tu debba fare nulla, procederà a cercare con il suo algoritmo le corrispondenze con i tuoi suoni, e ti mostrerà una lista dei risultati trovati.

Come riassunto da Krishna Kumar, product manager di Google sul suo blog , la chiave di questo strumento è la melodia, che funge da impronta digitale di una canzone: le conferisce “una propria identità”.

In questo modo, i loro modelli di machine learning sono in grado di mettere in relazione la melodia che viene canticchiata con quelle che hanno nel loro database. “Trasformano l’audio in una sequenza basata sui numeri che rappresenta la melodia della canzone”, spiega Kumar.

Gli algoritmi sono addestrati per identificare il brano canticchiato, fischiato, canticchiato o nella sua versione originale e, inoltre, “rimuovere altri dettagli, come gli strumenti, il timbro e il tono della voce”. Restano solo i numeri della musica: l’impronta.

Queste sequenze vengono poi confrontate con “migliaia di canzoni da tutto il mondo” e le possibili corrispondenze vengono identificate in tempo reale.

Attualmente la funzione è disponibile sia su iOS che su Android, ma nel sistema operativo Apple funziona solo nella versione inglese, mentre in Google è possibile farlo in italiano (e in più di 20 lingue).

The Latest

To Top