News Internet

Instagram finalmente spiega come funziona il suo algoritmo

C’è molta confusione su come funziona l’algoritmo di Instagram. Hanno cercato di spiegarlo molte volte, ma non c’è mai stata molta chiarezza.

Infatti, solo pochi giorni fa Instagram ha cambiato il funzionamento dell’algoritmo che ordina le Storie. Inoltre, spuntano sempre bufale e teorie su come viene ordinato il contenuto, e questo crea confusione per molti utenti di questo social network. Ma finalmente Instagram ha deciso di spiegare come funzionano i suoi algoritmi, attraverso una serie di pubblicazioni.

Il social network ha sempre mostrato cronologicamente i post dal 2010 da quando è stato lanciato, e lo ha fatto per 6 anni, ma nel 2016 ha introdotto l’algoritmo per il Feed, che ordina le foto e i video che vengono pubblicati da mostrare al primo posto ogni utente, quelli che potrebbero essere più rilevanti per te. Ecco come funzionano, secondo la spiegazione di Instagram.

Come funziona l’algoritmo feed e storie di Instagram

Secondo Instagram, devi distinguere tra due tipi di contenuti quando spieghi l’algoritmo del feed e le Storie. Da un lato, i contenuti pubblicati di recente dalle persone che seguono l’utente e, dall’altro, i contenuti pubblicitari. La stragrande maggioranza dei contenuti che viene visualizzata è quella pubblicata dai contatti, e questi sono quelli che sono interessati dall’algoritmo.

Instagram assicura che tenga conto di centinaia di “segnali” che gli fanno determinare se un contenuto è più rilevante o meno di un altro per ogni utente. Tra i segni principali ci sono i seguenti:

Informazioni sul post. Ci sono segnali che indicano quanto sia popolare quel contenuto, come ad esempio quante persone lo hanno apprezzato e altri che ci permettono di sapere quando è stato pubblicato, la sua durata, la sua posizione. Tutte informazioni che vengono presi in considerazione anche dall’algoritmo.

Informazioni sulla persona che lo ha pubblicato. Questo aiuta il social network a considerare quanto quella persona possa essere importante per l’utente. Ad esempio, viene preso in considerazione il numero di volte in cui hai interagito con quella persona nelle ultime settimane.

La tua attività. Ciò consente all’azienda di capire quali potrebbero essere gli interessi dell’utente e include segnali come quanti post hanno deciso di mettere “mi piace”.

La tua cronologia delle interazioni. Ciò consente a Instagram di sapere per quanto tempo l’utente può vedere i post di una determinata persona. Ad esempio, se non commenti molto un utente, potresti essere meno interessato al loro contenuto.

Da qui, Instagram fa una serie di valutazioni. I più comuni per il feed sono: quanti secondi l’utente trascorre sul post, lasciare un commento, dare un “mi piace”, salvarlo o fare clic sulla foto del profilo. Più è probabile che tu faccia una di queste opzioni, migliore sarà la posizione in cui vedrai quel particolare contenuto.

Anche Instagram fa alcune avvertenze. Ad esempio, cerca di evitare di mostrare troppi post della stessa persona alla volta. Inoltre, nel caso delle Stories. il cui algoritmo funziona anche come spiegato finora, vengono introdotte alcune modifiche.

Solo pochi giorni fa ai contenuti condivisi nelle Stories nelle grandi occasioni, come ai Giochi Olimpici, è stato dato lo stesso peso che ai contenuti originali. Fino ad ora, non aveva lo stesso peso per l’algoritmo.

Inoltre, l’azienda assicura che cerca di capire come gli utenti utilizzano il social network per introdurre costantemente nuovi segnali e quindi capire meglio quali contenuti vorrebbero vedere nelle prime posizioni.

D’altra parte, in termini di disinformazione, Instagram assicura che non rimuoverà alcun contenuto, ma che se uno dei suoi verificatori  determina che un contenuto non è veritiero, mostrerà un’etichetta che lo indicherà e l’algoritmo gli dà meno peso.

Anche se un utente condividerà molti contenuti considerati di disinformazione, Instagram afferma che renderà i loro contenuti “più difficili da trovare”.

The Latest

To Top