Trucchi e Guide Smartphone

Differenze app android formato Apk Aab e Apkm

Google lavora incessantemente per rendere l’esperienza dei suoi utenti la migliore e anche le applicazioni hanno molto a che fare con questo. Sapevi che esistono diversi formati per le app Android? Esatto, e in questa guida spieghiamo le principali differenze tra .apk, .aab e .apkm, utile per sapere com’è il processo di download e installazione sul tuo telefonino.

La società proprietaria di Android ha sviluppato diversi formati per risolvere i problemi esistenti. Ad esempio, .aab è nato come soluzione alla crescente dimensione delle applicazioni. Lo stesso è successo con .apkm, anche se in questo caso questo formato è opera dei responsabili di APKMirror, uno store di applicazioni alternativo al Google Play Store. Senza ulteriori indugi, ci concentreremo su ciascuno di questi tre formati per spiegare le loro caratteristiche e le differenze tra loro.

Formato .Apk, il classico formato delle applicazioni Android

Un file con formato .apk è un file eseguibile che contiene i componenti necessari per installare un’applicazione su cellulari e tablet Android. Per capire meglio come funziona, il formato .apk è simile al file .exe di Windows.

Questo è il formato attuale delle applicazioni che scarichi tramite il Google Play Store, anche se verrà presto sostituito dal formato .aab. Qual è la ragione? Che le applicazioni .apk stavano diventando sempre più grandi, quindi le applicazioni occupavano sempre più spazio sui dispositivi Android.

Oltre che dal Play Store, i file APK possono essere scaricati anche tramite store alternativi e successivamente installati sul tuo Android in maniera semplice. Questo può portare a un problema, ovvero che il file APK che installi può contenere virus che influiscono sulle prestazioni del tuo cellulare, quindi devi analizzare attentamente il database da cui scarichi l’APK.

Prima di installare un file APK sul tuo Android, devi attivare l’installazione di file da fonti sconosciute. Pertanto, se il tuo dispositivo verrà infettato da malware a causa di questa installazione, sarà solo a tuo rischio.

Come dettaglio differenziale, i file in formato .apk possono essere condivisi tramite Bluetooth. In questo modo puoi condividere le applicazioni installate sul tuo telefono con altri utenti, o tra i vari dispositivi che possiedi.

Questo è il nuovo formato .aab per le applicazioni Android

È tempo di parlare del formato di applicazione Android più importante del momento: .aab o app bundle. Impara il termine, poiché questo è il formato che Google costringerà gli sviluppatori a utilizzare a partire da agosto 2021. Come accennato in precedenza, i file APK lasceranno il posto ai file AAB.

Sono passati diversi anni da quando Google ha annunciato gli App Bundles come il nuovo formato di applicazione per Android, un periodo che è servito come sviluppo prima del suo definitivo e obbligatorio passaggio al Google Play Store. Questo formato è focalizzato sull’offrire agli utenti installazioni più veloci e applicazioni molto più piccole (fino al 15% in meno).

Come funziona questo formato? Bene, il file AAB include tutto il codice e le risorse dell’applicazione, ma è Google Play Store che è responsabile della generazione del file con solo le risorse necessarie affinché l’applicazione funzioni su ogni dispositivo specifico.

Cioè, Google Play funge da intermediario e tralascia quelle risorse che non sono utili per ogni cellulare, tablet o dispositivo Android in generale. In questo modo, il file che viene scaricato è molto più leggero, rendendo il download e l’installazione più veloci rispetto a quando abbiamo installato l’intero APK.

Per capirlo meglio, facciamo un esempio: immagina di voler scaricare Instagram sul tuo telefonino. Il file .aab caricato dagli sviluppatori contiene tutte le risorse per la sua installazione ed esecuzione sui dispositivi, inclusi moduli per display di diverse risoluzioni, per diversi processori e per diverse lingue.

Quando scarichi attraverso il Google Play Store, scaricherai solo l’APK ottimizzato per la configurazione sul tuo smartphone, evitando così di dover scaricare moduli compatibili con altri processori, schermi, versioni di Android e lingue nel terminale. Come leggiamo sul sito web di Android in merito all’App Bundle, gli sviluppatori sono ora tenuti a impostare la dimensione massima degli APK compressi necessari per l’installazione su 150 MB.

Non preoccuparti se cambi la lingua del telefono o lo aggiorni a una versione Android, poiché Google Play scaricherà e installerà automaticamente i nuovi moduli necessari per l’applicazione. Ci sono già molte applicazioni che sono state modificate nel formato .aab, tra le quali possiamo citare Netflix e Twitter.

La sostituzione del formato APK con il formato AAB rende inoltre più complicata la pirateria delle applicazioni richiedendo l’installazione di più file APK contemporaneamente, cosa impossibile al momento nel sistema operativo di Google. Inoltre, abbiamo già visto che ogni dispositivo necessita di file personalizzati, il che complica anche l’operazione.

Formato .Apkm, l’alternativa ad APKMirror

Come abbiamo appena visto, l’uso di app bundle ha reso difficile la sopravvivenza della pirateria delle app. Tuttavia, applicando il motto “Rinnova o muori”, i responsabili dello store APKMirror hanno sviluppato un nuovo formato per poter continuare a offrire il download e l’installazione di applicazioni esternamente al Google Play Store dopo il passaggio al formato .aab.

Nasce così il formato .apkm , che potremmo definire .aab di APKMirror. E l’APKM include il file APK di ogni applicazione e gli APK aggiuntivi con le risorse di cui l’app ha bisogno per funzionare su ogni dispositivo specifico. Per installare questo tipo di applicazioni è necessario disporre dell’app APKMirror Installer, in quanto è quella responsabile della raccolta di tutti quegli APK per installare l’applicazione sul tuo terminale.

Questa applicazione può essere scaricata gratuitamente dal Google Play Store. Non viola alcuna regola, in quanto è solo un installatore. Per scaricare i file in questione, devi accedere al sito APKMirror e scaricare quelle applicazioni che appaiono con il termine “Bundle” in verde. Sono file crittografati, quindi APKMirror promette che sono totalmente sicuri per i tuoi dispositivi .

Dopo aver scaricato l’app APKMirror Installer, devi solo seguire alcuni semplici passaggi per installare i file APKM sul tuo Android. Semplicemente, come abbiamo visto, la differenza tra i formati .aab e .apkm è che questi ultimi sono stati sviluppati da APKMirror per poter installare le nuove applicazioni esternamente allo store ufficiale di Google.

The Latest

To Top