Comandi CMD per verificare se la connessione funziona correttamente

Come utilizzare i comandi CMD di windows per testare la connessione, il funzionamento, la disponibilità di una rete, il comando Ping per conoscere i tempi di risposta su una connessione e conoscere l’indirizzo IP corrispondente a un sito Internet.

Quando utilizziamo una connessione Internet, in fibra o ADSL, la prima cosa che di solito controlliamo è la velocità di Internet. Maggiore è la velocità, più veloce sarà il download dei contenuti da Internet e migliore sarà la nostra connessione, almeno in teoria. Oltre alla velocità, c’è anche un fattore molto importante, anche più della velocità, e che ben pochi tengono conto, che è la stabilità della connessione.

Una connessione è stabile quando non vengono persi pacchetti nella connessione. Quando giochiamo online o se stiamo guardando le serie tramite Netflix e la nostra connessione non è stabile (ovvero, i pacchetti vengono persi), molto probabilmente avremo problemi, sia nel ping che nella disconnessione, nel caso dei giochi online, e di pixelation o blocchi nel caso di Netflix.

Sebbene Windows abbia voluto semplificare al massimo il fatto di essere in grado di connettersi a Internet, ci sono alcune funzionalità, come la configurazione della connessione e il controllo del suo funzionamento, che non sono affatto intuitive. 

Microsoft si è concentrata sul consentire a chiunque di connettersi a una rete con un paio di clic, ma tutte le opzioni di analisi delle prestazioni e amministrative lasciano molto a desiderare. 

Fortunatamente, se abbiamo la console CMD a portata di mano, è possibile controllare sempre la nostra connessione. E per questo dobbiamo solo imparare alcuni comandi di base.

Come controllare la stabilità della tua connessione Internet con i comandi CMD

Misurare la stabilità della nostra connessione Internet è molto semplice e, inoltre, non abbiamo bisogno di alcun programma aggiuntivo per questo, basteremo con il noto comando “Ping”.

Il ping è uno degli strumenti di connessione inclusi per impostazione predefinita in tutte le versioni di Windows. Per usarlo, tutto ciò che dobbiamo fare è aprire una finestra CMD. Per farlo basterà digitare “cmd” nella barra di ricerca di Cortana o nella finestra di esecuzione che appare quando si utilizza la scorciatoia da tastiera di Windows + R.

A questo punto digitare in essa il comando “ping” seguito dal parametro -t e l’IP o il dominio che vogliamo connettersi, ad esempio: ping -t 8.8.8.8

Questo comando inizierà a inviare pacchetti al server di Google e a restituirli al nostro computer.

Dobbiamo lasciare questo comando in esecuzione per diverse ore poiché, in caso contrario, non potremmo sapere se la nostra linea è veramente stabile. In 5 minuti potrebbe non fallire, ma se fallisce, lo farà sicuramente, ad esempio, entro 12 ore.

Una volta terminato, premeremo la scorciatoia da tastiera ” Control + C ” e aspetteremo che CMD ci mostri i risultati. In questi possiamo vedere il numero di pacchi inviati, ricevuti e persi, nonché la loro percentuale corrispondente. Migliore è la% di pacchetti persi, più stabile sarà la nostra connessione.

Se il numero di pacchetti persi è molto basso o zero, la nostra connessione funziona perfettamente. Se al contrario il numero di pacchetti persi è elevato, probabilmente abbiamo qualche problema con la connessione.

Tuttavia, se si esegue un PING a un indirizzo Web e si verifica l’assenza di risposta, significa che i server DNS non funzionano correttamente. Forse è tempo di cambiarli. Non preoccuparti, è un fallimento abbastanza comune.

Un comando utile per risolvere i problemi relativi al DNS e che non guasta mai sapere è: ipconfig / flushdns

Cosa fare se molti pacchetti vengono persi e la nostra connessione è instabile

Se molti pacchetti vengono persi, il problema può essere sia nostro che dell’azienda. Per sapere se è nostro, ciò che dovremmo fare è, se lo abbiamo collegato  il Pc a internet tramite WiFi (le connessioni WiFi sono molto più instabili delle connessioni via cavo), collega il computer via cavo direttamente al router e prova nuovamente la stabilità della linea.

Se il problema persiste, il passo successivo sarà eseguire il ping di un computer all’interno della stessa rete locale e verificare se i pacchetti IP vengono persi. Se all’interno della rete locale il ping è stabile allora i problemi provengono dall’esterno.

Di seguito è riportato un esempio di test che possono essere eseguiti su una rete locale per verificare il funzionamento e identificare e isolare eventuali errori presenti.

La presunta rete di esempio ha i seguenti parametri:
Indirizzo IP del PC principale: 192.168.137.3
Indirizzo IP di un altro PC sulla stessa rete: 192.168.137.5
Gateway (router o apparecchiatura nella rete con connessione Internet): 192.168.137.1

Gli indirizzi Gli IP precedenti possono essere conosciuti usando il comando IPCONFIG

1) Ping 127.0.0.1, è l’indirizzo localhost o l’indirizzo di loopback del nostro stesso team, in caso di successo mostra che il protocollo TCP / IP è installato e funziona correttamente. In caso contrario, è necessario reinstallarlo.

2) Eseguire il ping dell’indirizzo IP del PC: ping 192.168.137.3 .
Se ha esito positivo, dimostra che la scheda di rete o l’adattatore funzionano correttamente, altrimenti disinstalla il dispositivo e reinstallarlo.

3) Eseguire il ping dell’indirizzo IP dell’altro computer in rete: ping 192.168.137.5
In caso di successo, si verifica che le connessioni fisiche tra di loro sono corrette.

4) Eseguire il ping dell’indirizzo IP del gateway: ping 192.168.137.1
In caso di successo, si verifica che esiste una connessione con l’apparecchiatura che fornisce Internet.

Se ci sono problemi con il computer sulla rete locale, l’errore è nostro e dobbiamo controllare sia il router (che potrebbe essere danneggiato) sia i cavi e i connettori della nostra rete locale. 

Se, al contrario, all’interno della rete locale tutto funziona correttamente e si verificano problemi quando ci si collega ad Internet, allora è un problema al di là del router, e l’ideale è chiamare l’azienda per rivederlo e risolverlo.

Tracert, per scoprire dove si trova il problema: sulla nostra rete o all’esterno

Potremmo essere connessi a Internet ma, per qualche motivo, la connessione non funziona correttamente. E in quel caso è difficile sapere se è un nostro problema o da qualche parte nel mezzo della rete. 

Il comando tracert traccia una rotta dal nostro PC al server di destinazione e mostra tutti i salti effettuati della connessione. In questo modo possiamo scoprire dove viene interrotta la nostra connessione o qual’è il punto in cui viene aggiunto più ping.

tracert www.google.it

Se vogliamo ottenere maggiori informazioni sulla traccia, allora il comando che dovremmo sapere è il  pathping. Questo comando è, a grandi linee, una versione massimizzata di tracert, che richiederà più tempo per essere completata ma, in cambio, ci mostrerà informazioni più complete e dettagliate.

pathping www.google.it

Verifica del funzionamento del router

Immagina di dover riavviare il router perché non puoi accedere a Internet. Come possiamo sapere se la sincronizzazione è già stata eseguita e possiamo navigare di nuovo? Ovviamente, con un PING. Anche se in questo caso lo faremo a un indirizzo web: ping google.it

Ipconfig, per sapere tutto sulla scheda di rete

Il comando  ipconfig è uno che qualsiasi utente dovrebbe conoscere. Questo comando ci aiuta a vedere rapidamente tutte le schede di rete installate nel computer (sia fisiche che virtuali) e la configurazione di ciascuna di esse. Molto utile, ad esempio, per conoscere facilmente l’IP del nostro computer.

Per usare questo comando, dobbiamo semplicemente digitare quanto segue: ipconfig

Possiamo vedere tutte le informazioni logiche delle schede di rete del nostro PC. Nel caso in cui si desideri ottenere informazioni più dettagliate (come il MAC della scheda di rete di Windows), il comando che dobbiamo eseguire è: ipconfig /all

Controllare tutte le connessioni aperte con netstat

Infine, un po’ più avanzato rispetto ai precedenti, il comando netstat è uno degli elementi essenziali quando si tratta di controllare, analizzare e diagnosticare una rete. Questo comando ci consente di conoscere tutte le connessioni aperte sul nostro PC, sia locali che remote.

Le connessioni aperte non sono sempre attive, ma il comando ci aiuta a vedere quali connessioni sono aperte in attesa di inviare o ricevere traffico su Internet. Se utilizziamo programmi P2P, ad esempio, vengono attivate connessioni attive, ed è uno dei motivi per cui la connessione Internet è generalmente lenta, perché il PC non è in grado di gestirli tutti in una volta.

Getmac, per conoscere il MAC del nostro PC in un unico comando CMD

Se si desidera conoscere il MAC di qualsiasi PC, questo comando può aiutarci a risparmiare tempo. Invece di vedere tutte le informazioni che ipconfig ci mostra, il comando getmac si concentra sostanzialmente sul mostrarci solo l’indirizzo fisico, o MAC, di tutte le schede di rete collegate al PC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *