App per limitare traffico dati su android

In questa guida vedremo quali app utilizzare per controllare e limitare il consumo del traffico dati su un telefono Android.

Quando ho iniziato ad usare Android, ricordo che una delle prime applicazioni che ho installato era quella controllare i dati di internet.

Avevo inserito un blocco di 3 GB e dovevi razionarlo bene per l’intero mese. Nel corso del tempo ho continuato ad usarlo, ma negli ultimi tempi l’ho messo da parte perché ho più gigabyte di quanti ne possa spendere.

Sebbene l’uso dei dati sia un po’ meno critico rispetto a qualche anno fa, in molti casi è ancora necessario essere sempre consapevoli della quantità di dati che stai utilizzando sul tuo cellulare.

Fortunatamente, Android ha da tempo incluso strumenti per limitare l’uso di dati che, sebbene non troppo complessi, sono utili nella maggior parte dei casi. 

Chi ha bisogno di più può sempre rivolgersi ad applicazioni di terze parti , disponibili su Google Play. Qui parleremo di entrambe le opzioni.

Come limitare l’utilizzo dei dati

Il limite del traffico dati per utilizzare internet è una delle più antiche impostazioni Android, che non è cambiato molto dalle prime versioni di Android.

Si tratta di un paio di impostazioni con le quali è possibile ricevere una notifica quando si è superato un determinato utilizzo dei dati e, se si desidera, sarà possibile bloccare completamente l’utilizzo.

Sebbene alcuni livelli di personalizzazione possano modificare l’ordine dei menu, nella maggior parte delle volte si trova in Impostazioni – Utilizzo dei dati , è anche possibile trovarla nei menu Connessione o simili. Comunque, cercare sempre nelle impostazioni nel caso in cui non riesci a trovarlo.

La prima cosa che devi fare è regolare l’inizio del tuo piano o abbonamento della tua sim dati. Questo è il giorno in cui il tuo utilizzo dei dati viene riavviato e inizi a contare da zero. Se non lo si configura, i dati, gli avvisi e i limiti saranno errati. Per fare ciò, tocca il menu a discesa e scegli Cambia periodo.

Dopo aver modificato i giorni mensili, è tempo di stabilire l’avviso per il superamento dell’utilizzo del traffico dei dati. Quando raggiungi questa cifra, il sistema ti mostrerà un avviso, anche se potrai comunque usare Internet.

Non puoi digitare il numero manualmente, ma devi spostare la barra fino a quando non è uguale al numero che ti interessa. Android è in grado di misurare solo cicli mensili: se desideri un controllo settimanale o giornaliero, avrai bisogno di usare un applicazione.

Nella stessa finestra delle impostazioni di prima troverai un’opzione chiamata Imposta limite dati mobili. Dopo averlo attivato, una nuova barra verrà aggiunta al grafico di utilizzo della rete.

Normalmente è di un altro colore in modo da poterli distinguere, oltre a includere il testo “limite”.

Il modus operandi è lo stesso: fai scorrere la barra verso l’ alto o verso il basso per impostare un limite per l’utilizzo dei dati all’interno del periodo che hai impostato. In questo caso, la connessione dati verrà interrotta quando verrà raggiunto un determinato limite.

Ricorda che questa misurazione viene presa dal cellulare e può variare leggermente con quella effettuata dal tuo operatore, che è quella ufficiale. Queste opzioni, così come altre più complesse gestite da applicazioni di terze parti, dovrebbero essere considerate più come un aiuto o guida che come una scienza esatta.

In questa stessa finestra potresti avere alcune impostazioni correlate come l’opzione per limitare i dati in background da una o tutte le applicazioni o una possibile modalità di salvataggio dei dati.

Consigliamo di limitare il consumo del traffico dati n backgrounde di app come Netflix, Facebook, Youtube,, Twitter, Spotify, Gmail, Chrome, Firefox, Whatsapp, Instagram, Google Foto e Google Maps

Questo elenco di app varia a seconda dal livello di personalizzazione che avete impostato nel vostro telefono Android.

App per controllare e limitare il traffico dati del tuo telefono android

Le impostazioni di Android sono valide in molti casi ma sono abbastanza semplici e con poche opzioni di configurazioni. Fortunatamente, ci sono un buon numero di applicazioni su Google Play con le quali puoi ottenere informazioni più complete.

Prima di tutto, se desideri le informazioni più affidabili sull’uso dei tuoi dati, è meglio installare l’applicazione ufficiale del tuo operatore, se esiste. 

Alla fine della giornata, queste sono le informazioni che verranno utilizzate per scalarti il consumo dei tuoi dati, quindi è quella che dovresti tenere maggiormente in considerazione. Queste sono alcune delle migliori applicazioni per controllare i tuoi dati e in alcuni casi per aiutarti a ridurre il consumo.

  • WatchDog 3G: ricordi questa applicazione per controllare il consumo di rete ? È tornato, o meglio, non è mai andato via. L’interfaccia ha bisogno di un lifting urgente, ma a parte ciò continua a funzionare come il primo giorno, nelle versioni Android che vanno dalla 2.2 a oggi.
  • My Data Manager: un’altra applicazione veterana che, in questo caso, è stata rinnovata e ha un’interfaccia più piacevole. Include alcuni extra come il blocco degli annunci e consente di vedere il consumo di rete mobile per ogni applicazione.

  • Data Usage Monitor: un’altra opzione da tenere in considerazione è questa applicazione in cui potrai controllare facilmente e visivamente l’utilizzo totale dei dati per ogni applicazione presente sul telefono, con tabelle che ne distinguono l’utilizzo per ogni giorno.

  • GlassWire Data Usage Monitor: app che visualizza in un grafico di quali app stanno attualmente utilizzando i dati del tuo gestore di telefonia mobile o la connessione Internet Wi-Fi e d è in grado di limitare l’utilizzo dei dati di determinate applicazioni.

  • Traffic Monitor & 3G/4G/5G Speed: è un’applicazione che è possibile utilizzare per rendere conto dell’utilizzo dei dati in modo più accurato rispetto ad Android, nonché per bloccare la connettività a determinate applicazioni, in modo permanente o temporaneo.

  • Samsung Max: La connessione viene reindirizzata a una VPN in modo da poter salvare i dati comprimendo immagini e video, tenendo conto dell’utilizzo dei dati e teoricamente godendo di una maggiore protezione della tua privacy, specialmente su reti WiFi aperte.

Alcune offerte ti consentono di utilizzare una determinata applicazione o servizio senza essere conteggiato nella tuo traffico dati

Ad esempio, puoi avere una tariffa in cui hai WhatsApp o Facebook illimitati. In questo caso, l’account Android tradizionale ti darà risultati errati.

In questi casi, la cosa più utile è usare un’applicazione avanzata come My Data Manager. Dopo aver configurato il piano, è possibile accedere alle impostazioni e aggiungere “app con valutazione zero” (applicazioni che non contano ai fini della propria tariffa) o “intervalli di tempo con valutazione zero”, periodo in cui il consumo non viene conteggiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *