Differenza tra password sicurezza WiFi WEP WPA WPA2 e WPA3

In questa guida vedremo quali sono le differenze tra protocolli di sicurezza nelle password delle reti WIFI WEP, WPA, WPA2 e WPA3.

La connessione WiFi è attualmente un elemento essenziale nel mondo delle comunicazioni. Internet ha avuto un impatto enorme e, man mano che venivano fabbricati diversi dispositivi di comunicazione, è emersa la necessità di fornire un modo a questi dispositivi di connettersi a una rete condivisa e sicura.

La sicurezza WIFI è estremamente importante. È una cosa comune connettere un dispositivo mobile a un router in ogni momento della giornata, sia esso uno smartphone, un tablet, un laptop o altro e c’è sempre bisogno di maggiore sicurezza, ecco dove entra in gioco la crittografia WiFi.

Le impostazioni di sicurezza stabilite nel router definiscono non solo il modo in cui altri dispositivi possono connettersi alla rete, ma anche il livello di protezione che può essere stabilito nella connessione Internet.

Quando è collegato a una rete, c’è uno scambio di informazioni tra il dispositivo e il server. Le impostazioni di sicurezza aiuteranno a crittografare questo tipo di informazioni in modo che il tuo dispositivo (tablet, cellulare, computer) sia al sicuro da qualsiasi attacco. 

In questo ordine di idee, ci sono diversi tipi di sicurezza disponibili per la tua rete wireless o WiFi: WEP, WPA, WPA2 e WPA3.

Differenze tra i tipi di sicurezza WEP, WPA, WPA2 e WPA3

Questi sono i protocolli di sicurezza della rete wireless attualmente esistenti: WEP, WPA, WPA2 e WPA3 , in cui ognuno svolge una funzione simile, ma con alcune differenze tra loro. Tutti sono stati creati principalmente perché le reti WiFi non hanno la stessa sicurezza delle reti cablate.

In generale, le reti wireless trasmettono i dati nel loro raggio di azione a ciascuno degli indirizzi ad essa collegati, il che li rende molto più esposti di una rete cablata dove trasmettono dati solo dal punto A ad un punto B.

Che cos’è WEP?

Questo è uno dei primi standard di sicurezza per le connessioni di rete. È anche noto come Wired Equivalent Privacy. Questo tipo di sicurezza è stato stabilito, principalmente, per le connessioni tramite un cavo.

Nel momento in cui le apparecchiature WiFi hanno iniziato a fare una presenza sul mercato, questa configurazione di sicurezza e privacy ha iniziato a essere sviluppata per le reti wireless.

Ci è riuscito? Niente affatto, le connessioni wireless che hanno adottato questa configurazione si sono rivelate altamente vulnerabili. Quindi non è un’impostazione consigliata.

Evoluzione a WPA

È stato utilizzato come miglioramento temporaneo per quello che era il protocollo WEP , tenendo conto del fatto che presentava un gran numero di guasti e problemi. Fu così che il giorno prima che WEP fosse ufficialmente abbandonato dalla WiFi Alliance , WPA fu adottata per iniziare a proteggere questo tipo di rete.

È così che, grazie a WPA , è stato raggiunto un miglioramento nella protezione del sistema in cui la maggior parte delle moderne applicazioni WPA utilizzava una chiave pre-condivisa (PSK), nota anche come WPA personale, nonché il protocollo di integrità della chiave temporale. o TKIP per la crittografia dei dati.

Grazie a tutto ciò, WPA ha portato un grande miglioramento rispetto a ciò che era WEP. Tuttavia, nel tempo e quando è stato messo alla prova e in dimostrazioni pubbliche, anche WPA ha iniziato a sembrare piuttosto vulnerabile alle intrusioni.

In questo modo è stato possibile rilevare che gli attacchi che hanno maggiormente interessato il protocollo non sono stati quelli che lo hanno colpito direttamente, ma quelli che sono stati realizzati nella configurazione WiFi protetta (WPS), che è un sistema sviluppato per semplificare il collegamento di attrezzatura ai moderni punti di accesso .

Da WPA a WPA2

L’accesso WiFi protetto (WPA) è l’evoluzione dello standard WEP non sicuro. WPA era solo un trampolino di lancio per WPA2.

Questo nuovo protocollo ha avuto una funzionalità molto significativa ed è diventato il miglioramento più importante. Include un algoritmo di crittografia “Advanced Encryption Standard”, noto anche come “AES”, che fornisce alle reti un indice di sicurezza molto più elevato rispetto ai precedenti.

Nel caso delle vulnerabilità presentate da WPA2, riguardano principalmente le reti di livello aziendale e non direttamente le reti domestiche più piccole. Nonostante tutto, oggi gli attacchi attraverso la configurazione WiFi sicura WPS continuano ad avere una media molto alta sui protocolli WPA e WPA2 .

Che cos’è WEP3?

Dato il costante miglioramento di questi protocolli di sicurezza, nel 2018 WiFi Alliance annuncia il lancio di questo protocollo che, a suo avviso, migliorerà i livelli di sicurezza delle password e fornirà un’interfaccia più semplice per la sua configurazione.

Tuttavia, oggi la maggior parte delle connessioni e dei router wireless utilizza ancora WPA2 e, nonostante abbia alcune vulnerabilità, è ancora sicura.

Quest’ultima versione rilasciata sul mercato, nota anche come WiFi Protected Acess (WPA3), sembra disporre di tutti gli strumenti necessari per fornire sicurezza moderna alle reti wireless.

Tra gli strumenti principali che ha incluso nel suo sistema troviamo la protezione della forza bruta , in cui WPA3 avrà il compito di proteggere ciascuna delle password dei suoi utenti, indipendentemente da quanto siano deboli, offrendo privacy dalla rete pubblica , Ha migliorato l’Internet of Things e offre una crittografia a 192 bit molto più potente .

Fino ad ora, WPA3 non ha raggiunto l’intero mercato dei router, ma si prevede che entro la fine del 2019 e l’inizio del 2020 questo protocollo inizierà a diffondersi nell’intero mercato delle reti WiFi. 

Quale scegliere?

Dopo quanto detto sopra, si può garantire che la configurazione WPA2 sia una delle migliori che si possano usare se si tratta di una connessione wireless in casa, a causa del numero ridotto di persone che possono collegarsi alla rete, il che riduce i rischi di attacchi.

Pertanto, il più consigliato è utilizzare WPA2 e non utilizzare WEP o WPA, poiché entrambi hanno una maggiore vulnerabilità e sarai più soggetto a danni o inconvenienti .

Il WPA3 sarà senza dubbio uno dei migliori, ma si può dire che è un protocollo ancora in fase di sviluppo. Questo protocollo richiederà che tutte le connessioni facciano uso del PMF o del Protected Manageme, essendo questo un fattore che aumenta le protezioni della privacy con meccanismi di protezione aggiuntivi , ideale per proteggere qualsiasi tipo di informazione o dati.

WEP è molto facile da interrompere. Non devi usarlo per nessuno scopo. Inoltre, se si dispone di dispositivi che possono utilizzare solo la sicurezza WEP, è consigliabile sostituirli per aumentare la sicurezza della propria rete.

Autore MaiDireLink

Marco Stella, è un Blogger Freelance, autore su Maidirelink.it, amante del web e di tutto ciò che lo circonda. Nella vita, è un fotografo ed in rete scrive soprattutto guide e tutorial sul mondo Pc windows, Smartphone, Giochi e curiosità dal web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *