sabato , 27 Febbraio 2021

Come sapere se ti spiano whatsapp

In questa guida ti mostreremo Come fare per sapere se qualcuno sta spiando il tuo WhatsApp, cosa fare per evitarlo ed elencheremo alcune precauzioni di base utili per prendersi cura della privacy delle conversazioni salvate sul cellulare.

Non molto tempo fa WhatsApp era una vera perla per gli hacker e per coloro che volevano spiare le conversazioni. Il servizio non utilizzava alcun tipo di crittografia e i messaggi viaggiavano liberamente su Internet, quindi chiunque poteva utilizzare uno strumento per catturare il traffico e vedere tutte le conversazioni delle persone connesse alla stessa rete WiFi.

Oggi quest’app è molto cambiata. Infatti WhatsApp ha incorporato diverse misure di sicurezza extra; la più degna di nota è la verifica in due passaggi e anche la crittografia end-to-end di tutte le conversazioni.

Grazie a questo, oggi è più complesso hackerare WhatsApp, anche se ovviamente c’è sempre la possibilità di essere spiati, esattamente come accade con qualsiasi altro software al mondo.

Sospetti che qualcuno stia spiando il tuo WhatsApp? Per cominciare, va detto che ciò costituisce una violazione della privacy. “Quando si accede alla comunicazione elettronica di un’altra persona senza autorizzazione, si commette una violazione delle comunicazioni elettroniche, che è un reato contemplato dal codice penale.

In italia, una recente sentenza del tribunale ha anche confermato che nessuno ha il diritto di leggere la corrispondenza privata di altri senza autorizzazione, indipendentemente dal collegamento che possono avere. D’altra parte, e al di là della giustizia, si può considerare che la fiducia della persona viene violata.

Ci sono diversi modi in cui ciò può accadere. Tuttavia, va notato che spesso le intrusioni possono essere evitate adottando alcune precauzioni di base. Ecco alcune cose da tenere a mente.

Scopri se sei stato hackerato o qualcuno sta spiando il tuo WhatsApp con questi metodi

Nel caso di WhatsApp, molte persone vorrebbero poter hackerare gli account di altre persone per leggere le loro chat. Inoltre, possono esservi interessi anche a spacciarsi per l’utente spiato tramite l’app di messaggistica.

Fortunatamente ci sono modi per sapere se il tuo account di whatsapp è stato violato e nelle righe seguenti voglio parlare delle forme più popolari di hacking (anche se alcune sono impossibili oggi, ma molte persone credono ancora che sia possibile) e come risolverle loro.

Spiare whatsapp utilizzando WhatsApp Web, come scoprirlo?

È molto facile “clonare” WhatsApp se l’account viene aperto su un altro dispositivo, tramite WhatsApp Web. È sufficiente che la persona abbia accesso al tuo cellulare per alcuni minuti per attivare WhatsApp Web su un altro dispositivo, che può essere un computer o anche il proprio cellulare. Quest’ultimo può essere fatto se accedi al browser dalla versione desktop.

Lo strumento è stato creato per la nostra comodità, ma questo semplice modo di utilizzarlo significa che qualsiasi membro della famiglia o compagno di stanza che ha il tuo cellulare a portata di mano può collegare il tuo WhatsApp sul proprio computer senza che tu te ne accorga. E oggi ti insegneremo a scoprire se ti è successo e ti stanno spiando con un paio di suggerimenti rapidi.

Come puoi sapere se c’è una sessione attiva che non hai abilitato? Accedi a WhatsApp sul tuo cellulare. Fare clic sui tre punti nel margine in alto a destra, quindi fare clic su WhatsApp Web e vedere se è abilitata una sessione. Se è aperta una sessione che non hai aperto, chiudila.

La schermata delle sessioni aperte della sezione web WhatsApp dell’applicazione mobile contiene anche altre informazioni essenziali per rilevare gli intrusi. La cosa più importante è l’ora dell’ultima connessione, poiché sarai in grado di rilevare se qualcuno ha utilizzato una di quelle sessioni che hai aperto in un momento in cui non eri davanti al computer.

Fornisce anche altri dati altrettanto importanti, come il browser da cui è stata avviata la sessione o il sistema operativo. Ad esempio, se usi Windows e vedi che c’è una sessione in macOS con Safari, sarebbe una cattiva notizia. Ti dirà anche da quale città sono state aperte le ultime sessioni.

Per evitare questo problema suggeriamo di configurare il blocco con un dito sullo schermo per impedire a chiunque abbia il tuo cellulare di accedere a WhatsApp. Per questo devi andare su Impostazioni / Account / Privacy e attivare l’opzione “Blocco impronte digitali”.

Inoltre, come regola generale e al di là di questo tipo di incidente, si consiglia di attivare la verifica in due passaggi di WhatsApp, a cui si accede anche entrando in Impostazioni / Account . Ciò significa che una volta che il numero viene registrato nuovamente, verrà richiesto il numero PIN configurato.

Trojan che spiano le chat di whatsapp, come sape se ne hai preso uno?

Esistono altri modi in cui i messaggi mobili possono essere intercettati, come, ad esempio, attraverso l’installazione di un Trojan, come vengono chiamati i programmi che una volta eseguiti, danno all’aggressore il controllo remoto del computer. 

In questo modo si possono fare diverse cose, a seconda del tipo di Trojan. Con questo tipo di malware puoi rubare password, acquisire schermate con messaggi del cellulare e molte altre cose.

A volte le applicazioni spia fanno sì che il telefono cellulare si surriscaldi, funzioni più lentamente o consumi più batteria del solito. Quindi, se qualcosa di questo accade all’improvviso, probabilmente c’è un programma dannoso sul tuo telefono. Attenzione non è una regola scritta, può dipendere anche da altro.

Cosa puoi fare allora? In linea di principio, entra nel menu di configurazione del cellulare e guarda quali app sono installate e verifica che tipo di accesso hanno. Se noti qualcosa di sospetto o una piattaforma che non è stata installata o non viene più utilizzata, è meglio rimuoverla.

Se sospetti ancora che sia installato malware, è meglio un ripristino delle impostazioni di fabbrica. Ma prima di farlo, devi assicurarti di avere un backup delle informazioni: che le foto, i contatti, ecc. siano sincronizzati sul cloud, se viene utilizzato un servizio di questo tipo. Se tutto è collegato e sincronizzato con l’account Gmail, ad esempio, le informazioni possono essere facilmente recuperate quando il telefono verrà ricollegato con quell’email.

Va comunque notato che in alcuni casi anche un reset di fabbrica non sarà in grado di rimuovere il malware, quindi, sempre in materia digitale, prevenire è meglio che curare. Come? evita di scaricare app da siti sconosciuti: utilizza solo store ufficiali (come Apple Store o Google Play).

Cosa fare se il nostro account whatsapp è stato violato

Se dopo tutti questi controlli possiamo qualcuno ha violato il nostro account, quello che dovremo fare è provare a recuperarlo il prima possibile. 

Se tutto conferma i nostri sospetti e alla fine qualcuno ha rubato o violato il nostro account WhatsApp, ecco cosa dovremmo fare per evitare ulteriori problemi:

  • Bloccare la scheda SIM : la prima cosa che dobbiamo fare non appena ci accorgiamo che il nostro account WhatsApp è stato rubato è informare il nostro operatore della situazione e richiedere il blocco della scheda SIM. In questo modo, la scheda non sarà operativa e nessuno potrà utilizzare WhatsApp con quella stessa scheda.
  • Richiedere il blocco dell’account WhatsApp : un’altra raccomandazione è di informare WhatsApp stesso della situazione e richiedere che tale account venga bloccato. Dobbiamo sapere che il blocco dell’account dell’app non implica che tutte le informazioni ad essa associate vengano eliminate, inoltre, i messaggi in attesa di essere inviati rimangono in attesa per 30 giorni, quindi li riceveremo una volta stabilito il nostro account WhatsApp.
  • Reinstallare WhatsApp su un altro dispositivo con lo stesso numero : Richiediamo una scheda SIM duplicata al nostro operatore per continuare a utilizzare lo stesso numero di telefono e quindi installeremo nuovamente WhatsApp associato al nostro numero con la nuova SIM su un altro dispositivo. Quindi possiamo continuare a utilizzare lo stesso numero e recuperare i messaggi che i nostri contatti ci avevano inviato durante il periodo di tempo in cui abbiamo bloccato il nostro account.

Dirottamento del codice QR

Il dirottamento del codice QR (o QRLJacking) utilizza le applicazioni che utilizzano un codice di questo tipo per accedere ai nostri account, come nel caso di WhatsApp Web.

Esistono diversi modi per orchestrare questo tipo di inganno. Un’opzione è che all’utente venga inviato un collegamento che porta a una pagina in cui si dice, ad esempio, che se si accede WhatsApp Web si potrebbe ottenere alcuni vantaggi.

L’utente viene reindirizzato a una home page identica a quella di WhatsApp Web senza sospettare di essere stato ingannato. Scansionando quel codice sta dando accesso al suo computer a un malintenzionato senza rendersene conto.

Cosa fare allora? Evita di utilizzare collegamenti che arrivano da qualsiasi servizio di messaggistica o di posta che richiede la scansione di un codice o che acceda a questa o quella piattaforma perché potrebbe essere una pagina fraudolenta.

Per questo, per entrare nei siti ufficiali è più sicuro fare una ricerca direttamente dal browser e non utilizzare collegamenti ipertestuali.

Attiva la verifica in due passaggi

Dopo aver seguito i consigli precedenti, è necessario aggiungere un’importante misura di profilassi per evitare nuovi hack. Questo è qualcosa che dobbiamo fare anche a prescindere dal fatto che siamo stati hackerati o meno, poiché quando parliamo di privacy, tutte le precauzioni non sono mai troppo.

Questa misura serve per attivare la verifica in due passaggi, che serve a proteggere la registrazione del tuo numero di telefono richiedendo un codice PIN che viene inviato al cellulare associato all’account.

Per fare ciò, devi solo accedere alle impostazioni di WhatsApp nella sezione “Impostazioni”. Una volta qui, vai su «Account» e «Verifica in due passaggi». Infine, fai clic sull’opzione “Attiva” e inserisci un PIN di sei cifre che ti verrà chiesto quando accederai all’applicazione mobile WhatsApp per la prima volta. Puoi disattivarlo seguendo questi passaggi o modificare il PIN e l’email inserita ogni volta che ne hai bisogno.

Autore MaiDireLink

Marco Stella, è un Blogger Freelance, autore su Maidirelink.it, amante del web e di tutto ciò che lo circonda. Nella vita, è un fotografo ed in rete scrive soprattutto guide e tutorial sul mondo Pc windows, Smartphone, Giochi e curiosità dal web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *