Roaming: Le nuove tariffe per chiamare all’estero

Basta costi per il roaming in Europa dal 15 giugno. Accordo fra Consiglio, Parlamento e Commissione europea sulle nuove tariffe. Costo telefonate più basso del 90%

Roaming: Le nuove tariffe per chiamare all'estero

Le tre istituzioni europee, Parlamento, Consiglio e Commissione hanno raggiunto, nella notte, un accordo sui prezzi all’ingrosso che gli operatori si applicano tra di loro per offrire i servizi di roaming.

Dal 15 giugno, con il nuovo accordo, i clienti potranno telefonare, inviare SMS e navigare su internet con i loro dispositivi con gli stessi prezzi sia quando si trovano nel loro paese che quando andranno all’estero.

In pratica è stato applicato un taglio del 90% rispetto agli attuali prezzi all’ingrosso. In base all’accordo, dagli attuali 50€ a GB, le tariffe scenderanno a 7,7€/GB a giugno 2017 e il ribasso proseguirà col tempo: 6€/GB da gennaio 2018, 4,5€/GB da gennaio 2019 fino a soli 2,5€/GB a partire dal 2022.

Si tratta di un tetto estremamente più basso rispetto alla proposta iniziale della Commissione, ossia 8,5€ a GB.
Per quel che riguarda le chiamate, le tariffe scenderanno dagli attuali 5 centesimi a 3,2 centesimi a minuto, mentre gli SMS caleranno da 2 centesimi a 1 centesimo l’uno.

Precisiamo che i costi elencati finora sono all’ingrosso e riguardano solo i supplementi che gli operatori applicano l’un l’altro; al contrario, per gli utenti non ci sarà nessun sovrapprezzo e, teoricamente, sarà possibile utilizzare il proprio piano telefonico nazionale anche nel resto d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *