mercoledì , 19 dicembre 2018

Come aggirare la schermata di blocco di Android

In questo articolo, troverai i migliori 7 modi di hacking per bypassare, superare e aggirare la schermata di blocco su Android.

Se in qualche modo hai dimenticato il segno, il PIN o la password che blocca il tuo dispositivo Android, potresti pensare di essere sfortunato e destinato a rimanere bloccato per sempre. 

Questi metodi di sicurezza sono difficili da decifrare in base alla progettazione, ma in molti casi, non è del tutto impossibile riuscire a superare e forzare un dispositivo android bloccato.

Esistono diversi modi per hackerare uno smartphone o un tablet Android bloccato, ma sfortunatamente non c’è nulla di più semplice delle chiavette USB per password cracker che puoi ottenere su amazon. 

Quindi di seguito troverai i migliori 7 metodi funzionanti più efficaci e, speriamo, uno ti possa aiutare a sbloccare il tuo dispositivo.

Utilizza il servizio “Trova il mio dispositivo” di Google

Per la maggior parte dei telefoni e tablet Android, un servizio integrato chiamato Trova il mio dispositivo è la soluzione migliore. Finché accedi al tuo account Google, puoi utilizzare qualsiasi dispositivo o computer per accedere al servizio, disponibile su questo link .

Questo metodo purtroppo non funziona su Android 8.0 o versioni successive. Ma finché il tuo telefono ha Android 7.1.1 Nougat o inferiore, il trucco dovrebbe funzionare.

Per quanto poco intelligente possa sembrare, dovete iniziare facendo clic sul pulsante “Blocca“. Se il servizio ha problemi a trovare il tuo dispositivo, fai clic sul pulsante Aggiorna accanto al nome del tuo telefono.

Dopo aver fatto clic sul pulsante “Blocca”, ti verrà richiesto di inserire una nuova password, che sostituirà il segno, il PIN o la password che hai dimenticato. Digita la nuova password due volte per confermare la scelta, quindi fai clic sul pulsante “Blocca”.

Da qui, possono essere necessari fino a 5 minuti, passati i quali dovresti essere in grado di inserire la nuova password per aggirare il blocco schermo precedente e sbloccare il dispositivo android.

Usa il servizio ‘Trova il mio cellulare’ di Samsung

Se hai un dispositivo Samsung, un servizio simile chiamato Trova il mio cellulare dovrebbe funzionare per aggirare il blocca schermo di Android. 

Inizia andando a questo link da qualsiasi browser Web, quindi accedi al tuo account Samsung. 

Se non si imposta mai un account Samsung, questo metodo non funzionerà, sfortunatamente. 

Dopo aver effettuato l’accesso al tuo account Samsung, fai clic sul pulsante “Blocca il mio schermo” nel riquadro a sinistra. Da qui, inserisci un nuovo PIN nel primo campo, quindi fai clic sul pulsante “Blocca” nella parte inferiore dello schermo. 

Entro un minuto o due, la password della schermata di blocco sarà modificata con il PIN appena inserito, così ti sarà possibile sbloccare il dispositivo.

Utilizzare la funzione ‘Segno dimenticato’

Se sul tuo dispositivo è installato Android 4.4 o versioni precedenti, prova a utilizzare la funzione “Forgot Pattern”. Dopo 5 tentativi di sblocco non riusciti, verrà visualizzato il messaggio “Riprova tra 30 secondi”. Mentre questo messaggio viene visualizzato, tocca il pulsante nella parte inferiore dello schermo che dice “Segno dimenticato”.

Da qui, seleziona “Immetti i dettagli dell’account Google” (a seconda del dispositivo, puoi accedere direttamente a questa opzione), quindi inserisci l’account e la password Gmail principali. Google ti invierà un’e-mail con la tua sequenza di sblocco, e potrai modificarla subito dopo.

Eseguire un reset di fabbrica

Se sei più interessato a entrare nel tuo telefono di quanto lo sei con la conservazione dei dati memorizzati su di esso, un reset di fabbrica dovrebbe funzionare nella maggior parte delle situazioni. 

Ma a causa di una nuova funzione antifurto chiamata Factory Reset Protection, dovrai conoscere la password del tuo account Google per utilizzare questo metodo se il telefono è stato rilasciato dal 2016 o in seguito.

Il processo varierà a seconda del tipo di dispositivo, ma per la maggior parte dei telefoni, si avvia spegnendo completamente il dispositivo. 

Quando lo schermo diventa nero, premi e tieni premuti contemporaneamente il volume e il pulsante di accensione, per visualizzare il menu del bootloader di Android. 

Da qui, premere il pulsante volume per selezionare l’opzione “Modalità ripristino”, quindi premere il pulsante di accensione per selezionarlo.

Selezionare l’opzione “Cancella dati / ripristino fabbrica”. Al termine del processo, seleziona l’opzione “Riavvia il sistema ora” e non dovresti più essere bloccato dal tuo telefono.

Se si tratta di un telefono più recente, ti verrà chiesto di accedere con l’account Google e la password che erano stati precedentemente utilizzati sul dispositivo prima che fosse ripristinato. Se conosci queste informazioni (e dovresti), è sufficiente accedere nuovamente al tuo account Google per riottenere l’accesso al tuo telefono.

Utilizzare ADB per eliminare il file password

Questa prossima opzione funzionerà solo se in precedenza hai abilitato il debug USB sul tuo telefono, e anche in quel caso, funzionerà solo se hai permesso al computer che stai utilizzando di connettersi tramite ADB

Ma se soddisfi questi requisiti, è un modo perfetto per sbloccare il tuo dispositivo. Tuttavia, tieni presente che i modelli con crittografia abilitata per impostazione predefinita potrebbero non essere compatibili con questa soluzione alternativa.

Inizia collegando il telefono al computer con un cavo dati USB, quindi apri una finestra del prompt dei comandi nella directory di installazione di ADB. Da qui, digita il seguente comando, quindi premi Invio .

  • adb shell rm /data/system/gesture.key

Quindi, riavvia il telefono e la schermata di blocco di sicurezza dovrebbe sparire, permettendoti di accedere al tuo telefono. Ma questo è solo temporaneo, quindi assicurati di impostare un nuovo segno, PIN o password prima di riavviare di nuovo.

Avviare in modalità provvisoria per ignorare la schermata di blocco di terze parti

Se la schermata di blocco di android che stai tentando di bypassare è un’app di terze parti anziché la schermata di blocco integrata, l’avvio in modalità provvisoria è il modo più semplice per aggirare il problema.

Per la maggior parte dei telefoni, è possibile avviare la modalità provvisoria selezionando il menu di alimentazione dalla schermata di blocco, quindi premendo a lungo l’opzione “Spegni”. 

Da qui, scegli “OK” quando ti viene chiesto se desideri avviare la modalità provvisoria e al termine del processo, l’app della schermata di blocco di terze parti verrà temporaneamente disattivata.

Arresta l’interfaccia utente della schermata di blocco

Infine, se il tuo dispositivo è crittografato ed esegue Android 5.0-5.1.1, c’è un modo per aggirare la schermata di blocco della password. 

Questo metodo non funziona su nessun altro tipo di schermata di blocco sicuro, ma è un vero toccasana se hai dimenticato la password.

Innanzitutto, tocca l’opzione “Chiamata di emergenza” sulla schermata di blocco, quindi utilizza l’interfaccia di composizione per inserire 10 asterischi.

Da qui, tocca due volte il campo per evidenziare il testo inserito e scegli “Copia”, quindi incollalo nello stesso campo per raddoppiare sostanzialmente la quantità di caratteri inseriti. Ripeti lo stesso processo di copia e incolla fino a quando il doppio tocco sul campo non evidenzia più i caratteri.

Quindi, torna alla schermata di blocco e apri la scorciatoia della fotocamera. Da qui, abbassa l’area notifiche e tocca l’icona Impostazioni, quindi ti verrà richiesto di inserire una password. 

Premi a lungo il campo di inserimento e scegli “Incolla”, quindi ripeti il ​​processo più volte. Alla fine, dopo aver incollato abbastanza asterischi nel campo, la schermata di blocco android si sbloccherà, il che ti consentirà di accedere al resto dell’interfaccia del telefono.

Quale metodo ha funzionato con il tuo smartphone? Conoscete altri tipi di hack che bypassano la schermata di blocco di Android? Fateci sapere nella sezione commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *